La nuova scienza (LaScienzah!)

Nell’epoca del Covid abbiamo assistito ad un fenomeno inedito:
Trovato un modo di identificare un qualcosa, ovvero i tamponi, prima molecolari e poi antigenici (poco importa se chi è positivo può essere definitivamente senza sintomi e chi è negativo malato grave) si è definito “problema sanitario” (la malattia covid) ogni “positivo” a questo test.

Sia chiaro, non nego che esista una patologia, che puo essere anche molto grave in taluni casi -fortunatamente rari- soprattutto quando le manifestazioni cliniche vengono sottovalutate e trascurate


Nell’ incertezza dei primi momenti (palesemente amplificata mediaticamente) sono stati catalogati come malati e morti da covid TUTTI i positivi al tampone PCR.

Il tampone è stato eletto a metodo diagnostico definitivo (pur senza averne le capacità, anche per voce del virologo Giorgio Palù poi presidente AIFA, link), generando una inappropriata associazione tra positivo e malato.

La conseguente “psicosi” di massa a questa associazione si idee ha costituito la base per ogni successiva assurdità socio-sanitaria in nome della difesa dalla “nuova peste” (che però uccideva solo gli anziani gia malati in % comunque non dissimili dall’influenza, link).

Bisognerebbe indagare sul perché si è scelta la strategia del terrorizzare la popolazione, quando in TUTTE le precedenti crisi -esempio inquinamento chimico o radioattivo- si tende a minimizzare per evitare il caos e reazioni scomposte della popolazione, che infetti col covid sono puntualmente avvenute; ma forse era quello lo scopo: generare paura ed offrire una risposta che altrimenti non sarebbe mai stata accettata.

Questa “magia propagandistica” (perché tale è!) ha trasformato praticamente tutte le malattie in covid in presenza di tampone positivo; in altre parole, ogni cosa che sopraggiunge ad un paziente “positivo” viene imputata al covid.


In questo modo, spinto dall’onda emotiva delle morti ad esso associate, il covid è stato percepito, anche dagli addetti ai lavori (non immuni dalle influenze della “pubblicità”) come una pestilenza incurabile. (vedi piu avanti [*] )

Tana libera tutti“: se c’è il covid (e basta il tampone positivo!) non occorre cercare altro e qualunque cosa succede è colpa del covid!
Alè! Ma cche ccce freegaa ma che cce’mportaa …!
Peccato che nella realtà il SARS-CoV-2 è un virus che ha una letalità bassa: dissonanza cognitiva portami via!

A questo punto é utile riportare una testimonianza personale:

Mio padre (86 anni) finito al pronto soccorso a seguito di una banale caduta (mentre era andato a piedi e da solo in Farmacia, ovvero in ottima forma fisica), risulta positivo al tampone antigenico covid.
Finisce subito in isolamento in area covid dove non si può entrare!.

Mi viene detto inizialmente che era un reperto accidentale (il tampone +) essendo lui completamente asintomatico ed in buona salute, e che sarebbe quasi certamente tornato a casa in giornata, finiti gli accertamenti di routine (era li per una caduta ed è un paziente a rischio di emorragie interne a causa dei farmaci che assume).

Dopo 6 ore, a sera, mi dicono che dalla lastra al torace ( ma non hanno fatto quella alla testa!) risultava una polmonite bilaterale e necessitava il ricovero (anche se, ad opinione di un radiologo interpellato successivamente, la lastra con cui l’hanno diagnosticata NON evidenziava una situazione che richiedeva misure ospedaliere).


Molti anziani che cadono poi hanno il covid!

Sembra una barzelletta vero?
Eppure questa conversazione io l’ho registrata e mi è stato detto proprio questo dal “medico” del Pronto Soccorso!

Ovviamente questo “medico” (a cui va il mio disprezzo, umano e professionale) aggiusta il tiro (dopo la mia provocazione: “Cioè le cadute causano il covid?“) sostenendo che la “polmonite” covava in modo asintomatico ed ha contribuito alla caduta per carenza di ossigeno, poi in ospedale si scoperto “il covid” (sempre grazie al “Magico Tampone”, che però é uno strumento NON diagnostico, mai validato come diceva anche il Dr Palù -vid- )

Sorvolo sulla trafila per cui a seguito di questo ricovero “arbitrario” e NON necessario mio padre è stato “rinchiuso” a Malattie Infettive ove è stato sottoposto a trattamenti invasivi ed inutili (dall’antivirale all’ossigeno terapia forzata… senza avere la polmonite!) ottenendo dopo 21 giorni di degenza (a cui è per altro miracolosamente scampato!) una serie di acciacchi e disabilità (probabilmente definitive) che prima non aveva.

Ogni cosa che sopraggiungeva era il Covid che “divampava”:
Difficoltà respiratorie? Covid!
Cuore che “sbarella”? Covid!
Delirio ed allucinazioni? Covid!
Problemi Neurologici? Covid!
Problemi Urologici? Covid!
ecc ecc..

Ora faccio una riflessione da “paziente” (o da parente di paziente):


Una persona è in ottima salute: non ha febbre ne tosse o affanno (con gli acciacchi dell’età ma perfettamente sotto controllo tale da essere completamente autosufficiente, in grado di guidare l’auto).

In mezzo pomeriggio finisce per aver necessita dell’ossigeno e 2 giorni scarsi più tardi necessita il casco CPAP, in poco piu di 36 ore non può respirare autonomamente.


Questo casco necessario per sopravvivere (h24 per almeno 10 giorni dicevano) viene rimosso… il giorno seguente, casualmente dopo una richiesta di chiarimenti da parte del Neurologo, che ha da tempo in cura il babbo, in merito a terapie neurologiche somministrate (Trittico).

Ufficialmente “Perché ha reagito bene al casco”. Che culo!

Eppure avevano gia messo l’alimentazione endovena tanto erano certi che senza casco non poteva sopravvivere nemmeno per mangiare.
Strano vero?

Poi, grazie al covid, che “fa tutto”, ha avuto anche:
problemi cardiaci,
problemi ematologici,
problemi fisiatrici,
problemi urologici,
ed altre “bazzeccole”…

E’ rimasto 21 giorni a spese dello stato in quel reparto dove probabilmente non doveva nemmeno entrare.

In realtà poi ha fatto un altro mese, 30 giorni, in un altro ospedale per una infezione batterica ospedaliera antibiotico resistente indotta dal catetere con cui è stato dimesso e che il medico di base si è ben guardato di “gestire” come chiesto dall’ospedale… ma non vorrei infierire troppo!

Ovviamente il rimborso di 3.713 €/g corrisposto dallo stato all’ospedale (per un paziente covid ricoverato in area medica) grazie al Governo dei Migliori ed al magico tampone positivo acchiappatutto non è affatto collegato a questa situazione, non siate maliziosi!


Certo che, a voler pensar male, l’alimentazione endovenosa può sembrare propedeutica ad un trasferimento nella “remunerativissima” Terapia Intensiva (9.697 €/g) visto il peggioramento raccontato di ora in ora (almeno fino alla telefonata del Neurologo).. sempre dello stesso paziente che non aveva nulla 2 giorni prima!


Non ci credete alla storia dei rimborsi elargiti dai “migliori”? guardate a questo link 1 e link 2

Passiamo oltre.

Una ulteriore riprova del fatto che ora tutto é covid la troviamo nella scomparsa dell’influenza su scala mondiale:
Durante il periodo in cui TUTTI sono stati testati col tampone che “diagnosticava” il covid è sparita l’influenza (vedi qui).

Va osservato che il covid ha gli stessi sintomi delle sindromi influenzali e, se curato anche la stessa prognosi, salvo casi particolari (che probabilmente suggeriscono un patogeno diverso, subdolo e potenzialmente rischioso, ma in casi circoscritti)

Si puo osservare, guardando i grafici ufficiali dell’OMS sull’influenza, che dopo della vaccinazione di massa contro il covid, l’influenza è tornata.

Si possono azzardare delle speculazioni (sempre senza pretesa di validità medica, ma solo logica): non essendo più testati i vaccinati, soprattutto nella prima fase in cui si decantavano le mirabolanti efficace dei vaccini contro la trasmissione dell’infezione per cui il vaccinato NON andava testato perché era “immune” (e li chiamano ancora “immunizzati” – vedi qui), le mai scomparse sindromi influenzali si sono è riappropriate della legittima causa della patologia.
E’ solo una ipotesi, ma a logica funziona senza sforzo!
Diciamo che è una possibile “pista” su cui si potrebbe (o dovrebbe?) indagare.

Sappiamo già che in epoca Pandemica, la PanDemenza impone che LaScienzah non sbagli mai, ed abbia ragione sempre, quindi non occorre indagare ciò che sostiene perché è vero per “definizione Scientificah” (ed il vaccino è l’unica soluzione anche se bastava l’aspirina!)

Poco importa se guardando la faccenda “da lontano” si nota che chi promuove la “cultura medica” e le “soluzioni” è anche chi sta guadagnando come non mai.
Suvvia lo fanno per il nostro bene!

Quali conclusioni posso trarre?
Da marzo 2020 tutto é covid.


Forse per fare il medico post 2020 basterà studiare un opuscolo informativo (ma forse basta un video tutorial del ministero della Malattia) sul Covid ed imparare applicare un bel protocollo che solleva da ogni responsabilità!
Facile, Facilissimo! Perché studiare 5 anni piu la specializzazione….

Ovviamente l’unico rimedio é la vaccinazione (con scudo penale!) per la patologia incurabile da marzo 2020, e che fino a febbraio 2020 si curava senza problemi.

A dire il vero ci sono medici (che fra tanti “pavidi smidollati” sono ascrivibili a Veri Super Eroi) che hanno continuato a curare come sempre hanno fatto, salvando migliaia di persone con percentuali quasi a 3 cifre, ricevendo in cambio l’appellativo di “stregoni” (dalle Tv e dalle testate dei “Professionisti dell’informazione” pagata dalle stesse multinazionali che posseggono anche i colossi farmaceutici), quando non erano addirttura altri provvedimenti sanzionatori.


[*] Li hanno definiti antiscienzah e peste li colga (vedi qui), “SalacadulaMagicabula…”.


Eppure questi “stregoni” hanno curato tutti!
A casa, con umanità, sostegno, affetto, rispetto, esercitando l’ARTE MEDICA in scienza e soprattutto coscienza!

Evviva la “stregoneria” dunque!

Ovviamente ho avuto la fortuna di vederli all’opera su un altro anziano di famiglia che non è passato in ospedale ed ha risolto “la cosa” in 2 giorni scarsi: Quidni anche in questo caso parlo di cose viste in prima persona.


In realtà, è venuto fuori che ADESSO anche i Tele Virologi sapevano dall’inizio che la Peste covid si curava bene con l’aspirina (per cui mi chiedo a cosa serva aver spinto fino all’ossessione sociopatica un vaccino sperimentale per una malattia POCO LETALE che si cura con l’aspirina!) – vedi qui e qui.. tanto per avere riferimenti-


Ad ogni modo, mi sa che mi iscrivo a medicina e con un bell’esame sul covid mi metto ad esercitare la professione di sacerdote de LaScienzah!

Vado a studiare, ciao …

Lo prendi più leggero

Nel periodo della Fede ne LaScienzah, abbiamo assistito ad un plateale “sindrome di Stoccolma.


I contagi (e morti) del 2022 evidenziano che questa Vaccinazione di massa non funziona (era anche illogica data la scarsa letalità della malattia e la sua curabilità domiciliare, salvo rari casi), eppure ci si ostina a sostenere che, pur non evitando “Il contagio” (ovvero la positività ad un tampone mai validato senza valenza diagnostica), ne la malattia (e manco la Morte) con una efficacia negativa, sia però capace di farti “prender il covid più leggero

“Fuori le prove!” aggiungerei

Ricordiamo che fu detto, dall’agghiacciante Presidente del Consiglio Mario Draghi in conferenza stampa:


Non ti vaccini , ti ammali, Muori o fai morire


Sono arrivati a discriminare i non vaccinati come nemmeno le Leggi Razziali del “Ventennio” fecero (chi dice il contrario semplicemente non era tra quelli discriminati e quidni non si è nemmeno reso conto di aver rivissuto ed avallato la storia solo perche sono stati cambiati i “nomi” delle cose!).
Il tutto in nome di un “presunto” bene collettivo assolutamente fuori tema: nessuno dei prodotti sperimentali, spacciati per vaccini grazie ad un artificio semantico, era, ed é, in grado di fare quel che si prefiggeva la misura vaccinale, ovvero fermare il contagio e proteggere “la comunità” dalla malattia.


Ormai è di domino pubblico (anche se in TV si continua a vendere l’utilità sociale del vaccino) che il vaccino non ferma il contagio (abbiamo più contagiati e Morti ora con i vaccini “urbi et orbi” che nel 2020 con una malattia “forse” sconosciuta…)

Si è ricorso al “timore della morte”: è L’UNICA cosa su cui hanno puntato.
Sacrificare la “Vita” (intesa come relazione) in cambio di una sopravvivenza biologica.
Su questa paura hanno costruito l’amuleto “vaccino” e chi non lo ha desiderato per salvarsi è stato obbligato per salvaguardare gli altri.
Peccato che era comunque una “Invenzione” pubblicitaria, ma spacciata come Scienzah!

Ma anche di fronte alla schiacciate prova che il vaccino (soprattutto a dosi ripetute e ravvicinate) PEGGIORA le cose, si continua a sostenere che consente una malattia più lieve.
La presunta “malattia più lieve” (indimostrata) è un poi il cavallo di battaglia dei nazi-vaccinisti, da sempre: quando il vaccino fallisce si sostiene che senza sarebbe stato peggio.

In realtà, c’e UN SOLO MODO per verificare che un farmaco ha avuto effetto:
Confrontare il risultato con un gruppo di controllo.

Peccato che con i vaccini covid questo gruppo non esiste (lo abbiamo gia detto più volte) per cui non c’è modo di asserire (senza ricorrere alla FEDE) che la vaccinazione contro il Covid consenta di avere manifestazioni più lievi della malattia.

Andatelo a dire a tutti quelli che sono MORTI di covid tri vaccinati

Facciamo i Conti

Qualche giorno fa un noto “tele-ViroStar” ha pubblicato su twitter un commento all’ultimo rapporto (attualmente disponibile) dell’ AIFA sulle reazioni avverse da vaccino covid.

Sorvoliamo per un attimo il fatto assodato che la “sorveglianza passiva”, cui sono soggetti gli attuali vaccini, riporta un numero sottostimato, da 10 a 100 volte e che quindi i numeri AIFA sono viziati a monte da una enorme sottostima delle reazioni avverse.

NB: sorveglianza passiva = basata sulle segnalazioni spontanee dei pazienti, e dei loro medici; sappiamo bene come si da la colpa a tutto, dal caldo alla pizza, piuttosto che accusare il sacro vaccino

Sorvoliamo che in un farmaco la mancanza di efficacia è un difetto, ed il un vaccino andrebbe annoverata tra le reazioni “Gravi” dato che il vaccino ha il solo scopo di non far ammalare la persona e possibilmente fermare l’infezione (altrimenti, percheccazzo lo si fa?)

Dunque il rapporto AIFA riporta una reazione avversa ogni mille inoculazioni (1:1000) ma la stragrande maggioranza di queste sono “lievi”; le reazioni considerate gravi sono 18 su 10mila inoculazioni (18:100.000).
Bene, Benissimo, giusto?

infatti il nostro supermedico televirologico pontifica trionfante: ” Sono il doppio delle reazioni avverse della Tachipirina o dell’ OKI

Analizziamo i numeri ed i fatti:

1 . Tachipirina ed OKI non sei obbligato (di fatto) a prenderli, ne vieni trattato da reietto se non li assumi
2. la Tachipirina la febbre la abbassa, e l’ OKI calma le infiammazioni (quasi sempre)
3. Tachipirina ed OKI non sono dati a tutti in ogni caso a tappeto, a miliardi di dosi

invece il Vaccino Covid:
1. lo fai o sei escluso e maltrattato negli ospedali (e questa cosa l’ho vista con i miei occhi!)
2. Non funziona ne nel prevenire l’infezione, ne nel fermare i contagi (ne nello scampare alla morte)
3. Lo hanno dato a miliardi di persone senza avere nessuna certezza sperimentale che non fosse una teoria del produttore

Ma FACCIAMO I CONTI?

18 eventi gravi ogni 100 mila inoculi corrispondono (risolvendo una semplice proporzione) per le somministrazioni fatte in Italia a luglio 2022 (quasi 140 milioni) a 25 mila reazioni avverse GRAVI (tra cui molte gravemente invalidanti o fatali)

18 : 100.000 = x : 140.000.000

x = (140.000.000 * 18) : 100.000

x = 25.200

OPS!

Il nostro “televirologo superstar” dovrebbe scusarsi con 25mila persone (o con le famiglie) che si sono sottoposte alla vaccinazione INUTILMENTE (la malattia, qualunque cosa sia e da qualunque cosa sia causata, c’è ora piu che l’anno scorso e l’anno prima, in estate con numeri da inverno)

Un pensiero, a titolo di esempio, va a Camilla Canepa (conterranea del suddetto “esperto”), che morì a causa della vaccinazione (somministrata in un Open Day vaccinale, a soli 18 anni) ma non fu classificata come correlata perché avvenuta oltre i 14 giorni dall’inoculo… (ecco come costruire le statistiche favorevoli agli interessi di Pfizer)

E ricordiamoci che se non ricorressero al “malore improvviso” che scagiona sempre il vaccino (e registrassero attivamente, cercandole, tutte le reazioni avverse) i numeri sarebbero da 10 a 100 volte più alti (ovvero più danni del covid stesso!)

Inoltre il “Malore Improvviso” non lo avevamo MAI sentito usare, prima del 2021, per classificare le morti improvvise e premature; avevano sempre una causa (infarto , Ictus, trombosi,… ), ma nella neolingua orwelliana del Coviddi, ogni accidente è il “malore improvviso”.

Abbiamo “il colpevole” (il malore improvviso, appunto) e non serve indagare oltre.

Osserviamo che “malore improvviso” non spiega un accidenti di niente: una morte improvvisa in una persona, soprattutto se sana e giovane, NON è normale e non dovrebbe essere accettata come “naturale” Il fatto che sia “improvvisa” non la rende derubricabile a “normale”.

Tana Libera Tutti!

meditate gente…

Tempistiche in Parallelo

Miliardi di Dosi

Quante volte abbiamo sentito dire in TV, dalle “virosoubrette” e dai vari lacchè delle “telefinzione” che “i sieri covid ad mRNA non sono sperimentali perché sono stati inoculati ormai a miliardi di persone“?

Valutare gli effetti NEL TEMPO (ammesso che si abbiano i gruppi di controllo per farlo, e che siano statisticamente significativi ed egualmente monitorati, oltre che “in doppio cieco”, cosa che nel caso specifico manca dall’inizio perche “ce so i morti!” e non era “etico” sacrificare parte delle “cavie” esponendoli al virus più mortale di sempre, con una letalità stimata dello 0.26 compresi gli ottuagenari malandati) richiede semplicemente che il tempo passi.

se si vuol sapere che cosa accade in dopo 1 anno occorre aspettare 1 anno.
non si puo “Velocizzare” l’anno o il decennio , o il minuto che sia… nemmeno suddividendo l’esperimento in più parti, ovvero 365gruppi studiati epr 1 giorno, fa un anno secondo voi?

Ecco, il concetto di “in serie” e “in parallelo” in questo caso torna utile:
– Quando qualcosa è in serie vuol dire che si può valutarla solo DOPO che l’evento precedente si è concluso.
– Quando qualcosa è in parallelo vuol dire che vari eventi possono avvenire contemporaneamente perche non sono influenzati dagli altri

Purtroppo per LaScienzah il tempo è necessariamente in serie:
Oggi viene per forza dopo Ieri e prima di Domani. Non si scappa!

Quindi, hanno semplicemente MENTITO quando hanno parlato di sicurezza nel tempo, perché quel tempo non era ancora passato: quidni si trattava semplicemente un “Previsione magica“, non di Scienza.

La quantità di dosi va benissimo per avere (se ci fosse onestà intellettuale e scientifica nella raccolta dati) una statistica molto forte su altri parametri che emergono indipendentemente dal tempo.

Ma ciò che è funzione del tempo NON PUO’ semplicemente essere accelerato. Fine del discorso

In pratica, se usassimo in cucina il paradigma “Scientificoh” dei “vaccini covid Sicuri negli effetti a medio lungo termine”, perche fatti in Miliardi di dosi e quidni con miliardi di dati(*), avremmo la possibilità di cuocere 1 kg spaghetti anziché in 10 minuti in 1 minuto purché siano divisi in 10 pentole. Provateci e poi fate sapere com’è buona!

Ah! Gia! Ma ci si deve FIDARE de LaScienzah, non farle domande!

(*) Sorvoliamo sulla qualità di questi perche in tremendo conflitto d’interessi, dato che gli enti regolatori semplicemente prendono per buoni quelli forniti da chi vende

Stregonerie Scientifiche

Nel periodo dell’omologazione di massa, in cui chiunque dissente dal “pensiero collettivo” (definito dal “mainstream” come unico e vero) viene letteralmente aggredito, come fosse un pericoloso elemento di disturbo al quieto vivere a cui si deve aspirare, un disegno del genere (che sottintende un pensiero piuttosto esplicito) può risultare decisamente “contro-sistema”.
Lo so!
In effetti volevo essere polemico, ma per stimolare una riflessione.


Il vero difetto di una siffatta polemica è la generalizzazione che inevitabilmente ne scaturisce.

In effetti non tutti gli appartenenti alla categoria bersaglio della polemica (i medici) sono meritevoli di questo “giudizio negativo”: ho conosciuto diversi “super-eroi” che hanno dimostrato doti di umanità, competenza e discernimento davvero eleggibili a “super poteri”, in un periodo in cui la maggioranza delle persone sembra aver perso ogni spirito critico.

Questa mia esagerazione va intesa come una riflessione che vuole sollevare un probelma reale e concreto, assolvendo, nel contempo, quei pochi che nei fatti hanno dimostrato di non essere ascrivibili alla categoria de “Gli Stregoni de LaScienzah

Viviamo in un periodo in cui si chiede FEDE in qualcosa che non puo basarsi sulla fede, ovvero la Scienza (senza h)

Il metodo scientifico (su cui la scienza si dovrebbe fondare) prevede un costante e continuo correggersi, sfruttando ogni nuovo dubbio (sia esso reale o solo percepito) al fine di approssimare le proprie conclusioni ad una descrizione il più possibile aderente alla realtà.

La realtà è (e sempre sarà) un gradino oltre la nostra comprensione; possiamo limitarci solo ad approssimarla conservando l’umiltà di sapere che qualcosa sfuggirà ad ogni legge che formuleremo (la Fisica moderna dovrebbe averlo ormai definitivamente dimostrato).

Se questo vale per una “scienza dura” (matematicamente descrivibile) come la Fisica, vale in maniera ancor più severa per le scienze “molli”, come la Medicina.

Per altro la Medicina, oltre ad essere “un’arte” che si serve di varie scienze e non una scienza propriamente intesa, ha a che fare con sistemi complessi (il corpo umano) impossibili da descrivere con leggi precise e prevedibili, perche le connessioni che ne influenzano il comportamento sono oltre la semplificazione cui la scienza necessita; infatti in medicina si deve sfruttare l’approssimazione statistica nel tentativo di fare previsioni, mantenendo in ogni caso enormi margini di errore.

Veniamo al dunque

La crisi del Covid fu “prevista” e probabilmente “pianificata” nel dettaglio per assolvere a svariate esigenze “economiche” e “sociali” ed infatti la ritroviamo in vari studi di “futurismo” degli anni passati e recenti (vedi event 201).

In questo periodo abbiamo assistito ad una regressione scientifica della medicina che sta tornando a sembrare una sorta di stregoneria che segue delle leggi apodittiche per cui qualcosa funziona non perché lo si è dimostrato con studi seri e disinteressati, ma perché un “Protocollo” lo stabilisce (senza addurre prove che non siano intrise di conflitti di interesse colossali), ed ogni voce che osa dissentire viene silenziata senza nemmeno smentirla con dei fatti: bastano le parole di una autoproclamata “comunità scientifica” (che nella realtà non esiste come autorità reale, ma l’opinione pubblica semplicemente questo non lo sa) il più delle volte costituita da persone che godono semplicemente di grande visibilità mediatica (ma non necessariamente di autorevolezza).

Questo ricorda in maniera lapalissiana l’atteggiamento tipico dell’ integralismo religioso.
Insomma nulla di scientifico

Nell’era Covid (ma ad esser sinceri avvisaglie ne abbiamo avute gia in era “Legge Lorenzin”, propedeutica per l’Italia al delirio “nazivaccinista”) abbiamo assistito ad un OSSIMORO in cui si doveva avere “Fede nella Scienzah“:
La fede (o la Fiducia) è qualcosa che si concede in ambiti in cui non si può dimostrare l’affermazione: è esattamente il contrario della Scienza.


Soffermiamoci ora sul MIRACOLO DELLA SCIENZA:


La creazione di un vaccino per un tipo di virus (il corona, per altro identificato con un test mai validato che letteralmente non si sa di preciso cosa trovi, tant’è che nessuno ha ancora preso il Nobel per l’identificazione di questo patogeno) contro il quale MAI si era riusciti ad assemblarne uno.
Questo grazie ad un impegno più esteso ed a più soldi messi in campo, cosi più esteso ahce alla fine si è potuto compiere il miracolo, ….. in due mesi! (video)

La gente se l’è bevuto… (vabbè ci può stare)

I MEDICI se la sono bevuto! (questa invece è davvero grave!)


In realtà all’inizio c’era scetticismo: ricordo nel 2020 quando se ne parlava era facile sentire un medico, anche pandemista convinto spaventato dalle “bare di Bergamo”, sostenere che la creazione di un vaccino in poco tempo era qualcosa di inaccettabile e bla bla…

Ma è bastato puntare al portafogli (con premi o punizioni economiche), e contemporaneamente creare un “pensiero collettivo” a cui omologarsi che il problema del ragionevole (scientifico) scetticismo é stato abilmente risolto sfruttando banali tecniche di “Condizionamento di massa” (omologazione al pensiero collettivo e al senso di appartenenza al gruppo ritenuto dominante che per definizione viene ritenuto quello che “ha ragione”)

Inutile far notare che per verificare l’efficacia e la sicurezza di qualcosa che va ad influenzare un essere vivente (come un farmaco o, soprattutto, un vaccino) occorrono sia dei tempi (che non possono essere bypassati perche il tempo non puo essere accelerato nemmeno se si sperimenta su miliardi di persone) che i modi (i gruppi di controllo che in questo caso sono stati tutti eliminati sulla base di una emergenza).


Niente!


Con: “lo dice LaScienzah” nessuno più si chiede niente. Ci si crede!
(Ma poi chi cavolo è sta “LaScienzah”?)

Sorvoliamo sull’utilizzo scellerato di associazioni d’idee improprie:
Se il vaccino contro il vaiolo ha funzionato, allora i vaccini sono efficaci e sicuri; quidni deve esserlo anche ogni altro vaccino.

Ovviamente il fatto che il Vaiolo e altre pestilenze, abbiano giustamente legittimato l’uso di vaccini anche generalizzati (essendo malattie incurabili e letalissime) non può, in nessuna connessione logica o scientifica, essere avallare la stessa misura per una malattia come la covid-19, che colpisce praticamente solo gli anziani (NON curati adeguatamente) e che, senza dei Tamponi “farlocchi”, forse nemmeno avremmo scoperto che esisteva (come accaduto fino a marzo 2020).

Insomma paragonare il Vaiolo al covid è come paragonare una Tigre ad un Gatto (da parte di chi vende trappole per Tigri).

Ma il risultato è stato che si é sdoganato il concetto di “Vaccino sicuro ed efficace”, per definizione:
Bingo!..
Farmaci per 8 miliardi di sani (il sogno dell’industria farmaceutica che si concretizza!)

Faccio notare che una delle frasi più inflazionate del 2022 a proposito dei vaccini è:
Fortuna che sono stato vaccinato, altrimenti il covid che ho preso lo stesso, sarebbe stato più grave

Inutile dire che questa affermazione non ha alcuna prova: non ha a suo favore nessun confronto con un gruppo di controllo, necessario per ogni analisi statistica (ovviamente ci sono i novax, ma nessuno li controlla, anzi, al massimo li vessano!): la si prende per buona perche “lo dice LaScienzah“, Amen!


Quindi ci ritroviamo di fronte ad un gruppo di persone erudite in materia di medicina (i cosiddetti medici) che dal 2020, anzi dal 2021 (anno dei vaccini “urbi et orbi”) accettano:

  • un “magico” evento (la creazione di un vaccino mai fatto in un tempo impossibile)
  • “magiche” proprietà di efficacia (non verificate da gruppi di controllo, perché hanno vaccinato tutti)
  • “magicamente” sicuro (senza aver alcuna prova di questo, negando ogni evidenza che dimostri il contrario)

Quindi non è una forzatura se dico che siamo letteralmente alla magia:
STREGONERIE SCIENTIFICHE

Inutile notare che dopo 2 anni e mezzo siamo in una estate (2022) con un numero smodato di contagiati (qualunque cosa voglia dire questa parola, dato che spesso si tratta di persone positive ad un test che non si sa bene cosa trova e che possono essere anche positive e sane o malate e negative ….), nonostante i vaccini che dovevano risolvere definitivamente il problema (al punto da renderli obbligatori anche per categorie di persone che non avevano NULLA da rischiare dall’infezione).

Ma con la Magia vale tutto, quindi:

  • il vaccino è un miracolo della scienza che stavolta e avvenuto
  • funziona per definizione
  • chi dice il contrario va bruciato sul rogo

Salacadulamagicabilabibidibobidibuuu!

Tirano a sorte

Nel periodo del “nazi-Vaccinismo” (mi si perdoni se accosto il nazismo all’era del vaccino covid, ma la somiglianza con l’atteggiamento di repressione colpevolizzazione persecuzione ricorda molto da vicino la “ratio” usata dai nazisti nei confronti delle minoranze ree di contaminare “scientificamente” la razza Ariana, il tutto legittimato da esimi scienziati dell’epoca) stiamo assistendo a delle “capriole narrative” degne di un film comico

Abbiamo un vaccino sperimentale (perche i dati di autorizzazione fanno finire la sperimentazione almeno nel 2022, che viene definito non più sperimentale solo perché fatto su tante persone, senza contare che il tempo di sperimentazione non è ancora passato, un po come anziché cuocere a fuoco lento per 2 ore si utilizzi un inceneritore per 20 secondi… il risultato non è sovrapponibile) che non si sa quanto sia efficace, ma viene spacciato come sicuro in un ambito d’utilizzo, poi questo ambito viene cambiato, in lungo ed in largo;
l’efficacia viene rivalutata, allungata accorciata annullata, ripresa;
salva le vite, non salva le vite, lo prendi più lieve o forse no;
se ne prevedono con certezza una dose, due dose, tre dosi… tante dosi;
una ogni 12, 9, 6, 3 mesi
immuni per sempre, 10 anni, 6, mesi, 3 mesi, boh mesi….

visto da fuori sembra che questa Scienzah vada letteralmente a caso.

e ci chiedono di fidarci!
di chi?
come fanno le previsioni, ai dadi?

io… boh!

Le promesse della Fede

La frase che in questo periodo di delirio sociale innescato da una sociopatia sanitariamente indotta si sente più spesso dire da chi si sente in dovere di legittimare la sua “scelta” di vaccinarsi contro il covid (scelta che personalmente non condivido ma rispetto pienamente) è:
Io ho FEDE nella Scienza” (o dovremmo piuttosto dire “Scienzah”?)

“ogni divinità offre quel che ha”

Ritengo che la Fede sia qualcosa che NON appartiene alla Scienza.
La Fede è necessariamente una caratteristica della RELIGIONE, un moto di fiducia necessario a qualcosa che non possiamo accertarci essere vero.
La Scienza invece avanza per confronti, per approssimazioni successive della realtà e degli argomenti che studia (perche la Scienza non è solo la medicina, che per altro non è nemmeno una scienza in senso stretto, c’è la Fisica, l’Economia, la Politica, la Comunicazione ecc.. ecc…)
Ogni ambito scientifico EVOLVE da se stesso spesso invertendo anche convinzioni in direzioni diametralmente opposte quando si trovano “Nuove leggi” che spiegano meglio il fenomeno (pensiamo alla teoria Geocentrica rispetto a quella Eliocentrica ed in quel tempo Galileo si scontro con la Scienza del tempo che era sorretta da leggi scientifiche che negli ambiti d’utilizzo del tempo erano assolutamente coerenti e funzionanti.. non si trattava di religione)

Dunque, chiunque parli di fede nella scienza sta implicitamente ammettendo di credere nello scientismo, che è tutt’altra cosa, una religione a tutti gli effetti

Nulla da eccepire con chi è religioso e demanda ad una entità terza la “cura” delle proprie paure, (io stesso sono un grande appassionato di spiritualità ed ho un trascorso di fortissima religiosità, della quale ad oggi intravedo anche dei limiti ma non la sua funzione “terapeutica” sull’anima e sulla vita).
Quello che mi sento però di criticare è la pretesa di legittimare le proprie convinzioni religiose con qualcosa che sia oggettivo e Certo, quasi Dogmatico perche dimostrato scientificamente, perché questa è esattamente la posizione della fede (non si può dimostrare l’esistenza di Dio, e quindi si deve credere, avere fede, nel fatto che Egli esiste, fine del discorso).

Oggi in particolare in ambito di vaccini (la vera “Finestra di Overton” in Italia , capofila mondiale per la strategia vaccinale dal 2014, fu aperta con la legge Lorenzin sull’obbligo vaccinale per la frequentazione della scuola dell’infanzia di 10 vaccini, approvata nel 2017, ma preparata negli anni precedenti) assistiamo ad un atteggiamento che definire di religiosità medievale è dir poco.

Frasi fatte a volte senza alcun fondamento scientifico (prendo il covid più leggero, non mi ammalo, non contagio ecc..) mettono le persone nella condizione di recitare un mantra su cui non farsi domande anche quando le affermazioni sono smentite dai dati, o meglio quando i dati scientifici non sono unanimi.

Siamo di fronte ad un atteggiamento Fideistico per cui la Scienza medica è diventata la “certezza non -democratica” capace di negare anche le evidenze se contrastano con la visone decisa come corretta:
la storia è piena di prodotti spacciati per sicuri che poi non si sono dimostrati affatto esserlo (il Talidomide su tutti, ma anche il fumo faceva bene, o i materiali radioattivi , il DDT … solo per citare alcuni esempi eclatanti)
Oggi abbiamo i vaccini che sono sicuri a prescindere perche TUTTI dicono che sono sicuri ed efficaci e chi dice il contrario viene messo all’angolo a prescindere dai titoli, dagli studi, dall’attendibilità delel affermazioni.
E’ un reato di lesa maestà (molto simile all’eresia che però è ambito di religione);

Almeno la fede in Dio auspicava al paradiso, ad una giustizia finale, la fede ne “La Scienzah Vaccinale” ci offre come obiettivo quella di aderire a deliranti escalation di inoculazioni di cui gli stessi “influencer” farmaceutici non hanno certezza, ed in ogni caso l’unico obiettivo divenuto auspicabile è la tutela della salute a discapito anche della libertà di vivere la vita

A me non sembra molto meglio del medioevo

Fallacia logica del casco da moto

Una misura di tutela del singolo (che lo protegge dalle conseguenze) non puoi spacciarla per qualcosa di utile agli altri;
se lo fai forse hai un altro scopo;
se lo imponi sicuro ti interessa altro

Spessissimo dagli schermi della TiVu, ma anche da quelli degli smartphone attraverso i seguitissimi profili social dei vari influencer “pandemisti”, ascoltiamo esempi che fanno presa sulle persone per indurle a dar credito ad una affermazione (ovviamente in questo periodo di fine estate 2021, in Italia, si sta spingendo sulla vaxxinazione tramite strumenti di vessazione e di ricatto mai visti in precedenza, nemmeno in regimi totalitari del secolo scorso).

Il più delle volte, però, questi esempi non hanno alcuna attinenza con il concetto che vogliono avallare, tranne l’accostamento semantico (come dire sono bello perche il gelato è dolce: sono due concetti che si rafforzano solo grazie ad un “perché” messo tra le due affermazioni, ma non c’è alcuna attinenza tra le due cose)

Abbiamo sentito paragoni assurdi per legittimare le “vaniccia-zoini”, dalla patente, al semaforo, alla cintura di sicurezza, al casco da moto …

Alcune di queste meritano una vignetta celebrativa


Oggi tocca a:
il Casco della moto protegge certamente i motociclisti, senza danneggiarli; non indossarlo è una misura che mette a repentaglio la sicurezza dell’individuo ed è giusto obbligare i motociclisti a tutelarsi anche per non incorrere in traumi prevenibili che graverebbero sulla sanità“.
Questa cosa viene usata per dimostrare la validità dell’imposizione delle vassinassioni contro il pandemonio: lo stato deve tutelare tutti e quindi ti impongo di non fare del male a te ed agli altri

Questo paragone avrebbe senso se avessimo qualcosa di estremamente pericoloso (come un trauma cranico da caduta in moto e per analogia una malattia letale come il Vaiolo, la Poliomelite, la MERS, al limite la SARS1), prevenibile con certezza da un presidio che non interferisce con l’organismo (o lo fa in modo irrisorio rispetto al danno da cui tutela), appunto come un casco omologato (non basta un cocomero in testa infatti)

L’esempio ha un suo senso, anche rapportato a questioni di sanità pubblica, quando abbiamo a che fare con malattie gravissime non arginabili diversamente; diventa ridicolo se abbinato a qualcosa di scarsamente pericoloso per le persone “sane” e “giovani”, (come il coviddi che secondo i dati dell’OMS è paragonabile all’influenza) da proteggere con qualcosa che tutela solo l’individuo e non gli altri (come il casco appunto, infatti che siamo di fronte a prodotti contro la malattia e non contro l’infezione) quando sarebbe al limite ragionevole usarlo su anziani e persone di salute gia compromessa che (come i motociclisti) rischiano dal contrarre questa malattia (comunque , e per fortuna, in una % contenuta di casi).
L’incidenza delle reazioni avverse ai trattamenti sanitari di cui si parla sballa del tutto l’esempio, in quanto nessun casco da moto danneggia il motociclista.

Dunque:
il Casco da moto ha una fallacia logica doppia:
1- non protegge la comunità, al massimo l’incidenza sulla sanità pubblica, come qualunque farmaco del resto; ma allora con la stessa ratio anche l’uso di un antibiotico potrebbe diventare obbligatorio, o un intervento chirurgico o uno screening: insomma il libero arbitrio di scegliere come gestire il proprio corpo verrebbe a cadere.
2- non interferisce con l’individuo, al massimo genera fastidio temporaneo e reversibile, ovvero si può levarlo o usarlo solo in caso di necessità, cosa non sostenibile con i farmaci ed in particolare con le vassinassioni.

In entrambi i casi non possiamo accostarlo all’anti-coviddix, perché:
1- i trattamenti attuali tutelano (per progetto) l’individuo dalla malattia (il resto sono speculazioni di marketing) e non la sua diffusione (non proteggono dall’infezione)
2- i trattamenti sono irreversibili e gli effetti sull’individuo sono NON trascurabili (ognuno dovrebbe poter scegliere, riguardando solo se stesso, se rischiare o meno una reazione)

Non si nega la validità della “vazzinazione” come strumento di prevenzione in se, ma il fatto che, nel caso specifico del coviddi, si voglia imporre una misura di protezione dell’individuo dalle conseguenze gravi, sfruttando il ricatto morale che serve a tutelare gli altri (cosa che sarebbe vera se proteggesse dal contagio, e le evidenze dimostrano che non è così) con l’aggravante di volerla imporre non solo a chi ne ha bisogno (persone a rischio di complicanze gravi) ma anche chi non ha nulla da temere (e forse rischia più nel prevenire che nel curare)

Quando si vuole impone un trattamento che protegge individualmente con la scusa di proteggere gli altri probabilmente lo scopo non è la tutela della salute:

Ci vuole ancora più Fede!

FedeNeLaScienzah! :
Se non avvengono i miracoli è non hai pregato abbastanza oppure non avevi abbastanza Fede!

Pensando a tutti i casi di reinfezione, di malattia e di decessi per coviddi nonostante il sacramento Vaccinale
(Vedi UK , Israele, Islanda ecc)

Prima era una male nuovo incurabile per cui nessuno doveva più nemmeno recarsi dal medico (che di suo non doveva più visitare nessuno) perché era pericolosissimo per tutti.
Poi, dopo esser finiti un un disastro ospedaliero (magari causato o almeno accentuato dalla prima scelta di non far nulla) tutti ad aspettare l’unica soluzione ammessa ovvero il “Vaniccio” (non importa se mai era stato fatto prima per un “virsux” simile).
Poi tutti ad ammassarsi per fare da cavie di una cosa fatta in 3 mesi “perche altrimenti non ne usciamo”.
Poi solo over 65 poi mai over 65 poi anche under 65 poi mai under 65 poi buono over 18 poi mai over 18 poi mezzo e mezzo poi mixato, prima a -80°C poi anche a +4°C poi anche a +35°C
Poi una dose e poi richiamo
Poi un due tre stella di dosi…
Poi in paesi dove hanno lo hanno fatto quasi a tutti, non è cambiato un cavolo di nulla, anzi (anche se da noi si dice che non è vero!). quindi via di dosi terza quarta quinta e retromarcia (si ma per colpa della variante Delta HF Turbo integrale rosso fiammante!)

Insomma, il vero sconfitto in tutta questa sapienza è proprio “La Scienza” quella che dovrebbe essere prudente guardare i fatti e non andare avanti allacaxxodicane dietro a dogmi prestabiliti (sarebbe divertente chiedersi da chi o epr interesse di?) senza riconoscere mezzo passo falso, fermarsi e riflettere (tanto più quando l’emergenza del 2020 ormai non c’è più, perché non stiamo più parlando di una novità ma di uno stato ormai consueto)


La Scienza, quella vera, è probabilmente l’unica cosa che non sta palesandosi, al di la di ciò che dicono nei siparietti delle ViroStar in Tv (e dei discorsi cov-idioti sui social):
Ora abbiamo solo “La Scienzah!” che è di fatto una nuova Religione (a cui anche l’omino bianco si è convertito) con tutti i suoi riti, i suoi sacramenti ed i suoi dogmi

Qualche giorno fa ascoltando una soubrette televisiva in camice bianco che prospettava di insistere e crederci in questa “”maggica soluzione” ho avuto un “de ja vu“, di quando ero piccolo al Catechismo in Parrocchia ed il buon Don Mauro disse:
Se non avvengono i Miracoli è non hai pregato abbastanza oppure non avevi abbastanza Fede!

Onestamente mi sembra che sia l’approccio che sto vedendo sulla questione “soluzione Vanicciale” alla questione corona (sorvoliamo sugli atti di bullismo ed estorsione governativa con fari lasciapassare degni del baffetto che non hanno alcuna funzione sanitaria ma solo socio politica)

Ho deciso che è ora di Rimettermi a fare della sana SATIRA con delle vignette!

Inizio oggi la mia rubrica personale di IRONIA sulla questione del coviddi: LaFedeNelaScienza

PS: (Doverosa precisazione) Questo mio “Polemizzare” sull’argomento “Scienzah” non è certamente rivolto ai tanti Medici ed Infermieri che con serietà professionalità ed umanità si dedicano alla cura dei pazienti che a loro si affidano o sono affidati, anzi a costoro va la mia gratitudine e la mia ammirazione.
Il “bersaglio” sono le varie assurdità istituzionali e mediatiche che hanno anteposto scelte spesso politiche o economiche avanti all’arte medica, delle quali (ahimè) spesso si sono resi complici anche alcuni personaggi in camice bianco, spesso sopraffatti dal loro ego che li ha condotti in una deriva decisamente di stampo fideistico (se non come contenuti certamente come approccio)

il valore della Libertà

Siamo ad anno dall’inizio in Italia dell’era covid.
Un anno in cui abbiamo iniziato con “fratten the curve” ed evitiamo la saturazione degli ospedali, “restiamo chiusi 15 giorni per stare tranquilli dopo”, “andrà tutto bene”, per poi vederlo prorogato a tempo indeterminato (sfruttando una spettacolarizzazione della morte e della paura oltre ogni ragionevole buon senso, a fronte di una malattia nuova e sicuramente non banale per i soggetti target, ma globalmente con una letalità di 0 virgola).
A fine anno abbiamo il mondo che è un luogo di uomini soli che si temono l’un l’altro privati di liberta naturali (necessarie per l’equilibrio della stessa specie umana), istigati alla delazione e all’odio (per paura), soggiogati da piccoli gruppi di potere con enormi influenze mediatiche (che sono poi quelli che hanno portato il mondo nella situazione dichiarata d’innesco del probelma)che ora si propongono di salvarci con le loro misure “per il nostro bene”.

Con la Paura hanno creato il consenso, e anestetizzati da una voce unica (veicolata in modo emotivo, bypassante la razionalità e quidni indipendente dal livello culturale) ci siamo fatti convincere che è per il nostro bene, anzi per la nostra sopravvivenza:

Ma restare vivi è vivere? (ripeto con una malattia che fonte OMS fa il 95% di asintomaticità e con una letalità inferiore la punto %, quidni non certo la peste e certamente meno grave di quasi tutte le altre pestilenze precedenti che MAI hanno fermato il mondo ne lo hanno cambiato)

che fine hanno fatto gli “eroi” che sacrificavano la vita per la libertà?

Ma se non ci si rende conto di quanto la libertà sia costata per i nostri avi (vite sacrificate) e quanto sarà difficile riaverla indietro (nessun potere rinuncia al proprio spazio una volta conquistato!), credo che ci meritiamo le catene che ci hanno messo e che molti auspicano di più pesanti.

Temo che l’umanità del covid abbia una scarsa maturità ed anche una scarsa lungimiranza: Abbiamo posto le basi per un mondo di psicopatici che saranno gli adulti di domani che oggi hanno imparato ad essere diffidenti e spaventati dai loro simili.

non puo esistere una misura sanitaria utile che abbia questo effetto, se lo credete nessuno vi può salvare ma siete responsabili con colpa della sofferenza inutile patita per arrivare al tipo di civiltà che avevamo fino ad inizio 2020

Se pensate al fatto che inizia essere difficile esprimere una opinione diversa su certi temi e non notate quanto questo è pericoloso e sinonimo GIA di dittatura, vuol dire che non c’è possibilità di redenzione.